Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Così cambia il lavoro: in banca pronti allo smartworking mentre si va a caccia di clienti
di Massimiliano Di Pace
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 16 ottobre 2017

La vita è cambiata per i dipendenti delle banche italiane. Dopo gli esodi già portati a termine e quelli annunciati per il prossimo futuro, per chi rimane il lavoro non è più lo stesso. Prima dovevano solo lavorare, ora devono raggiungere risultati commerciali misurabili. Al tempo stesso devono cavarsela con qualsiasi richiesta del cliente in un'ottica di multitasking, devono saper gestire il lavoro da casa con lo smartworking e abituarsi ai trasferimenti. L'aumento della pressione commerciale da parte del top management verso lo sportello è uno dei fenomeni più recenti nel mondo bancario italiano. In pratica si richiedono alle agenzie e alle filiali risultati sempre migliori, con l'assegnazione di obiettivi di incremento dell'attività, come numero di nuovi conti aperti, nuovi prestiti, nuova raccolta. «La conseguenza di questa pressione – afferma Lando Maria Sileoni, segretario generale della Fabi, il principale sindacato dei bancari – è che i direttori di agenzia ed i gestori devono svolgere azioni di marketing sul territorio. Per esempio, è normale che un direttore di agenzia svolga delle indagini nel registro delle camere di commercio e nella centrale rischi per capire quali operatori economici possano essere dei potenziali clienti, per poi contattarli personalmente, anche con visite presso il loro ufficio, negozio, officina». Questa pressione commerciale può costituire un problema, come conferma la sottoscrizione a febbraio 2017 di un accordo tra Abi e sindacati dei lavoratori di banca sul monitoraggio delle pressioni commerciali.
L'accordo prevede, tra l'altro, la costituzione di una commissione mista Abi-sindacati (che dovrebbe avvenire nei prossimi giorni) per valutare le istanze dei dipendenti che si ritengono vittime di tali pressioni, e che non hanno avuto soddisfazione dalla propria azienda bancaria. Nonostante i passi da gigante delle tecnologie informatiche, e l'introduzione dell'internet banking, il ruolo dell'agenzia, e quindi del personale che vi lavora, rimane centrale nel sistema bancario del nostro paese. «Il management delle banche è piuttosto prudente – continua Sileoni della Fabi – e preferisce non modificare radicalmente il modello di business della banca, tuttora centrato sullo sportello, e questo si ripercuote anche nell'organizzazione del lavoro degli istituti bancari, che non è cambiata di molto. E se è vero che gli investimenti in informatica sono stati significativi, essi hanno però riguardato prevalentemente l'automazione delle operazioni di base, come i versamenti e i prelievi. La ragione di fondo è che le banche italiane temono che un'informatizzazione spinta dei servizi bancari possa ridurre il loro potere contrattuale con i clienti». La centralità del rapporto del cliente tramite lo sportello è confermata da Banca Intesa, che però segnala un importante processo di trasformazione del ruolo del gestore di clienti. «Mentre in passato in agenzia si trovavano varie figure specializzate nelle diverse attività bancarie – dichiara Patrizia Ordasso, responsabile delle relazioni industriali – ora si tende a richiedere al gestore di assistere il cliente a 360 gradi, per tutte le questioni che lo possono interessare, in un'ottica quindi di multitasking, resa possibile anche dalla formazione». Secondo Giulio Romani, segretario generale di First-Cisl, l'approccio generalista non è la soluzione migliore: «Oggi si richiede una sempre maggiore specializzazione per soddisfare il cliente, in particolare servirebbero figure in grado di dare una consulenza adeguata in materia di finanza e investimenti». Il multitasking non è però l'unica novità nel lavoro dei bancari. Come dimostra l'esperienza di Intesa, si sta diffondendo il fenomeno dello smartworking, ossia lo svolgimento del lavoro a casa propria o in una sede diversa dal luogo di lavoro. «La sperimentazione dello smartworking – racconta la responsabile delle relazioni industriali di Intesa – è cominciata nel 2015 con un migliaio di dipendenti. Oggi essa riguarda 8mila dei 65mila lavoratori del gruppo bancario che si occupano di personale, valutazione del merito di credito, informatica. Il 92% di questi smartworker lavora a casa, un 5% opera in uno dei nostri 70 hub (luoghi attrezzati per il lavoro), e un 3% presso clienti. Lo smartworking però non riguarda il personale di agenzia, restando determinante il contatto con il cliente». Per Romani della First-Cisl lo smartworking può essere utile, ma a determinate condizioni: «Dato che lavorare sempre a casa potrebbe essere alienante, e determinerebbe una perdita di contatto con la realtà aziendale, questa impostazione andrebbe bene se svolta in part time, soprattutto da coloro che ne hanno necessità». Un altro fenomeno è la frequenza crescente del trasferimento dei dipendenti da un'agenzia ad un'altra. «E' vero che oggi i dipendenti rimangono nella stessa sede per un tempo minore che in passato – ammette Romani della First-Cisl – e una delle ragioni è la chiusura progressiva degli sportelli». Per Sileoni della Fabi un'altra ragione risiede nel desiderio delle banche di non perdere clienti: «Quando un dipendente resta a lungo nello stesso sportello, acquisisce un legame stretto con la clientela, con il risultato che i clienti potrebbero seguirlo se si spostasse in un'altra banca. Per questo i responsabili delle agenzie vengono fatti ruotare in media ogni 3 anni, e i gestori della clientela ogni 5 anni, fermo restando che potrebbero essere trasferiti prima se non raggiungono gli obiettivi di soddisfazione della clientela». «Lo spostamento del personale da uno sportello ad un altro – sottolinea Ordasso di Intesa – si spiega per lo sviluppo professionale del dipendente, che così ha l'occasione di ampliare la propria esperienza».

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Devi chiedere credito alla banca?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
Bancarotta fraudolenta distrattiva per il pagamento del...
Imprese alla sfida del passaggio generazionale
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
Whistleblowing, tutte le incognite per chi denuncia un...
L'impresa teme più la mancanza di talenti che di soldi
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Lo "yoga finanziario" entra in azienda e fa aumentare...
Massiah: «Sbagliato svendere le sofferenze»
Tasso variabile, finita l'età dell'oro: dietro l'angolo la...
Ma il gig worker guadagna spiccioli
«Tassare gli uomini di acciaio», Bill Gates fa discutere
Ai tempi del robot aumenta il valore del capitale umano
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
I revisori chiedono un giusto compenso alla Pa
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
«Non abbiate paura di sbagliare il coraggio premia gli...
La quarta rivoluzione va al galoppo, fattore tempo decisivo...
Franchising e nuovi negozi, il commercio tradizionale...
Avviare un business: srl o ditta individuale? Ecco le 3 cose...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Credito tremano i confidi. A rischio uno su tre
Mifid II, mercati più trasparenti con la "governance" della...
Re Sole a Silicon Valley: la monarchia assoluta dei Big di...
Le tre doti necessarie per guidare Bankitalia
Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è...
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
«Azioni, Bot e fondi. Serve una patente per i risparmiatori»
Basilea 4, si cerca l'intesa entro l'anno
Affinché i loro debiti non si trasformino in Npl le Pmi...
L'investimento non è il gioco di chi vince ma il gioco di chi...
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Quando, e perché, gli esseri umani iniziarono a usare il...
Il risparmio gestito corre ma non basta
Confidi, si rischiano altre sofferenze. Le mosse di governo...
Reddito e ruolo sociale la crisi degli avvocati
Compri un'azienda e poi vai sul listino, le Spac accelerano...
Come avere successo nella vita: cinque strategie mentali...
La rivoluzione della privacy, in azienda caccia ai dpm
Fondi pensione, patrimonio triplicato in 10 anni di riforma
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)