Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Approfondimenti Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.840
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Approfondimenti - Documento

Il prelievo dal conto senza indicazione del beneficiario è evasione
a cura del sito web laleggepertutti.it
Aprile 2016

Pubblicato sul sito www.laleggepertutti.it in data 18 aprile 2016.

* * *

Chi preleva grosse somme di denaro dal proprio conto corrente e non riesce, in caso di controllo fiscale, a dimostrare a cosa sono servite o a quale soggetto sono dirette rischia un accertamento per evasione fiscale. Secondo infatti una recentissima sentenza della Commissione Tributaria di Catanzaro (sentenza n. 475/2016), il contribuente, anche nell'ambito della dichiarazione dei redditi ai fini Irpef, deve essere sempre pronto a dimostrare all'Agenzia delle Entrate il beneficiario dei prelievi dal conto.

Quanto denaro si può prelevare o versare sul conto corrente?
La sentenza tocca uno dei temi più "caldi" del momento: l'utilizzo di denaro contante. A riguardo, però, è bene fare alcuni chiarimenti.
Come noto, la legge di Stabilità 2016 (Legge n. 208/2015) ha portato da 1.000 a 3.000 euro il tetto massimo di utilizzo di contanti negli scambi di denaro tra soggetti diversi. In pratica, gli scambi di moneta (vendite, donazioni, ecc.) possono avvenire in cash fino a 2.999,99 euro. Oltre tale soglia bisogna utilizzare strumenti tracciabili come il bonifico bancario o la carta di credito.
Come però abbiamo chiarito in diverse occasioni (leggi Pagamento in contati: quando si rischia), questa regola non riguarda i prelievi e versamenti sul conto corrente. Infatti, non ci sono limiti di importo per chi vuol depositare o ritirare, dal proprio conto, importi di denaro contante. Così, non costituisce illecito il comportamento del correntista che preleva 5.000 euro in contanti o ne deposita 6.000.
Ma attenzione: queste regole valgono solo ai fini del rispetto della normativa sulla tracciabilità dei pagamenti. Diverso è, invece, il discorso per quanto riguarda il fisco e, quindi, la giustificazione di quale fine abbiano fatto tali soldi o da quale fonte provengano. A tali domande, eventualmente fatte dall'Agenzia delle Entrate, il contribuente deve essere sempre pronto a rispondere.

La presunzione di evasione fiscale
Una norma, inizialmente nata solo per le società, ma estesa anche ai contribuenti persone fisiche e ai professionisti, stabilisce che tutti i versamenti non giustificati si considerano guadagni (incassi) non dichiarati al fisco, mentre i prelievi di cui non viene indicato il beneficiario si considerano investimenti, e quindi, anche per questi ultimi, scatta una presunzione di evasione fiscale.
L'estensione di tale norma ai professionisti è stata dichiarata illegittima, nel 2014, dalla Corte Costituzionale (ciò sulla scorta del fatto che essi non sarebbero tenuti, nel tenere la propria contabilità, alla registrazione delle singole operazioni, sicché facile è il rischio di confusione tra spese personali e quelle professionali).
Tuttavia, qualche giudice continua ad applicare tale presunzione ai normali contribuenti. E prova ne è la sentenza in oggetto. Secondo infatti i giudici calabresi di secondo grado, la legge ha imposto al contribuente un comportamento: l'indicazione del beneficiario dei prelevamenti, che se non rispettato è configurato come evasione fiscale.
Certo, perché scatti la presunzione di "nero" deve trattarsi di somme rilevanti e non certo delle poche centinaia di euro utilizzate per fare la spesa settimanale. Il rischio poi è ancora più elevato per chi possiede quote in società o altre partecipazioni. Questo perché – almeno secondo il ragionamento indagatore dell'Agenzia delle Entrate – non vi sarebbe ragione di prelevare diverse migliaia di euro dal conto in un'epoca in cui tutto avviene telematicamente o, comunque, tramite bonifici o assegni.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Analisi di bilancio società di calcio
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche, multa da 11 milioni a Bnl, Intesa e Unicredit...
Una chance per risollevarsi dalle crisi, le aziende chiedono...
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Troppi lacci frenano il credito in Europa
L'allerta salva azienda chiede competenze forti
Il factoring corre più veloce della ripresa
La punta di diamante dell'inganno bancario
Ma il gig worker guadagna spiccioli
«Ridurre scadenze e adempimenti così si semplifica la...
Energia verde e niente armi: i fondi etici muovono 23mila...
Il futuro è l'economia circolare e l'Europa premia chi investe
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Sogei e il flop dello spesometro: ecco tutti i buchi nella...
Capitali, più garanzie sulla sorveglianza. La rivoluzione Ue...
L'ufficio è più bello se gli impiegati aiutano i designer
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Quei manager rivoluzionari che però ignorano le regole...
Società 50-50: come superare il problema
Piccole imprese: come tirarsi fuori dai debiti con 6 consigli...
Ecco i "Principi di redazione dei piani di risanamento"
Un codice, fondi e più trasparenza: parte la rivoluzione del...
Fusioni, nuove tecnologie, app: 100 mila bancari in pericolo
Cet1 delle banche italiane: la classifica 2017
Cet1 ratio: cos'è, cosa indica e perché è essenziale per...
In quattro nel «consorzio» per lo sconto sui rating interni
Swap: Intesa faccia sempre l'interesse del cliente
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
L'ape regina in ufficio: è vero che le donne sono più...
Equo compenso per gli avvocati
Professionisti, è più vicino il ritorno alle tariffe minime
Money transfer, banche e giganti web a caccia di un...
«Sgravi e incentivi ai manager per entrare nel capitale...
Npl, la riscossa di Unicredit: ora ha il portafoglio crediti più...
Formazione soltanto per i vertici aziendali, le imprese...
Banche, ora fare chiarezza sulle modalità dei salvataggi
Case, niente affari in tribunale: 250mila aste senza...
Startup: 4 storie di clamorosi fallimenti e cosa ci insegnano
Confidi, si rischiano altre sofferenze. Le mosse di governo...
Italia, ottime idee ma poche risorse. Così i brevetti non...
Bini Smaghi: «In Europa serve una megabanca»
Niroumand: «Con le startup del Fintech si dirà addio alle...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)