Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
 
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.528
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

Le imprese italiane che crescono, malgrado tutto
di Giorgio Lonardi
Affari & Finanza - La Repubblica
Lunedì 24 ottobre 2005

Cos'hanno in comune aziende come la S.E.A. (autocaravan) e la De Vizia Transfer (business ambientale)? E cosa le avvicina entrambe sia alle non quotate Cisalfa (distribuzione di articoli sportivi) Rangerplast (componentistica auto) e Bennet (supermercati) che alle quotate Engineering, Brembo e Fastweb? La risposta è semplice: fanno tutte parte della hit-parade di BusinessWeek relativa alle 100 piccole e medie aziende più dinamiche d'Europa. Insomma, si tratta dei «primi della classe», quelli che sono cresciuti di più nell'ultimo triennio registrando almeno un bilancio in utile su tre presi in considerazione.
Per far parte della classifica di BusinessWeek l'impresa deve essere stata fondata prima del 2002 ed avere più di 50 addetti e meno di 5 mila all'inizio del 2001. La graduatoria, oltre che sull'aumento dei ricavi, è basata sull'indice di crescita dell'impiego messo a punto dall'economista David Birch che misura la capacità di creazione di posti di lavoro.
Se il primo posto (sedicesimo in graduatoria europea) all'interno della pattuglia composta da nove società italiane spetta alla Nuova Pansac (vedi articolo nella pagina accanto; ndr: leggi l'articolo dal titolo Lori, le pellicole di plastica che conquistano il mondo) la seconda posizione va alla Rangerplast fondata dall'imprenditore Alberto Rossini, azienda brianzola da 160 milioni di fatturato che ha creato 598 posti di lavoro grazie ad un aumento dei ricavi del 268%. Ebbene, sia Rangerplast sia le altre imprese manifatturiere della pattuglia italiana, sono accomunate dai fortissimi investimenti in ricerca e innovazione: «Noi non produciamo componenti in plastica per tutti», dice Rossini, «Fra i nostri clienti ci sono Porsche, Ferrari o Aston Martin. I nostri prodotti sono all'avanguardia grazie alla ricerca. Altrimenti non avremmo raggiunto questi risultati».
Stessa musica anche per la quotata Brembo (90° in classifica generale, ottava delle italiane) che oltre ad assumere 607 persone vende i suoi freni alle migliori aziende automobilistiche mondiale grazie agli investimenti massicci sull'innovazione di prodotto. Quanto a Engineering (in sessantasettesima posizione, prima fra le quotate), gruppo del settore informatico si è sviluppato nel triennio (+54%) grazie ad un mix fra crescita interna ed acquisizioni. La stessa Engineering è molto attiva nella R&S come dimostra l'impegno nella messa a punto della piattaforma europea Nessi.< br> La ricerca, dunque. Ma non solo. Un altro elemento comune è l'estrema flessibilità mostrata dalla pattuglia italiana. Emblematico l'esempio di Fastweb, la startup delle telecomunicazioni che ha assunto 2.108 addetti aumentando i ricavi del 355%. Tuttavia la palma dell'adattabilità va alla De Vizia Transfer, 88,1 milioni di fatturato 2004 e 572 assunzioni effettuate nel triennio.
Oggi la società fondata ad Avellino da Vincenzo De Vizia a metà degli anni '70 opera nel settore del business ambientale puntando sulla gestione dei termovalorizzatori. Ma in passato la società ha cambiato più volte «mestiere». Racconta Emilio De Vizia, uno dei figli di Vincenzo: «Abbiamo cominciato con la costruzione dei grandi impianti Fiat al Sud». Poi, visto che gli stabilimenti erano già stati edificati, la De Vizia si è lanciata nei servizi sempre per Fiat: dalla pulizia alla logistica alla manutenzione. Ancora oggi il Facility Management per il Lingotto costituisce il 30% del fatturato di gruppo. Successivamente De Vizia ha puntato sulla raccolta e sullo smaltimento dei rifiuti. Dice: «Serviamo 2 milioni di persone nel Veneto, Lazio, Sardegna e Campania».
Un caso a parte è quello di S.E.A. leader europeo nella produzione di autocaravan: fra le imprese non quotate dei «magnifici nove» è l'unica azienda controllata da un fondo e da un gruppo di manager. L'avventura di Ermes Fornasier, ex amministratore delegato di Comau e di Pierluigi Alinari, imprenditore del settore, inizia pochi anni fa assieme al fondo Bridgepoint. Nel giro di pochi esercizi il nuovo management avrebbe rilevato Mobilvetta, Elnagh e Dream Motorcaravan, le maggiori imprese italiane del settore. Successivamente sarà la volta della spagnola Joint e dell'inglese Auto Slipper. Risultato: quasi 300 milioni di fatturato nel 2004 con una crescita del 108 per cento e 369 nuovi posti di lavoro. Quanto al 2005 sono previsti 400 milioni di ricavi e 14.500 camper venduti.
Da studiare l'esperienza di Cisalfa, presente da anni nella classifica di BusinessWeek. Si tratta, infatti, di un'azienda di distribuzione contrassegnata sia da alti tassi di crescita sia da uno sviluppo costante. L'azienda, guidata dall'imprenditore Vittorio Mancini e dall'amministratore delegato Marco Giunta, infatti, si è sempre concentrata nel suo core business: la vendita di articoli sportivi. E ha investito pesantemente sul sistema informatico, sul marketing e sullo sviluppo della rete commerciale che ha raggiunto i 169 negozi anche grazie all'acquisizione dei punti vendita ex Longoni. Ecco spiegati i 400 milioni di fatturato raggiunti a fine 2004 (e le 1020 assunzioni). Ma anche la forte crescita del 2005 che si dovrebbe chiudere con circa 500 milioni di vendite.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso
Alcuni servizi sono gratuiti!

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Stampa il piano di ammortamento mutuo
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
An analysis of the annual accounts of highway firms in...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Banche: nel 2016 bruciati risparmi per 15,6 miliardi di...
Il riciclaggio adesso diversifica
Credito, resta forte la dipendenza dalle banche
Il circolo vizioso dei pagamenti: così i ritardi soffocano le...
Cessione degli Npl, nel 2016 una pipeline da record
I nodi irrisolti che pesano sulle banche a Piazza Affari
«Quando i cittadini sanno gestire i soldi ne trae beneficio...
Finanza, ancora questa sconosciuta. Gli italiani i meno...
Bankitalia, ingorgo quote: il 48% ancora invenduto...
«Sui derivati nuovi rischi per gli istituti di credito»
Il commercialista non basta più, Pmi alla ricerca di...
Imprese a caccia di manager dei dati
«Quel club esclusivo ma spietato degli startupper di Silicon...
I benefit in cambio del premio, adesso si fa così
La carica delle sofferenze: 66 miliardi sul mercato
Revisioni contabili, battaglia campale per le Big Four della...
Popolare di Vicenza, nulli tutti i finanziamenti «baciati»
Imprese, l'arte di gestire il cambiamento
Perché ai manager italiani non piace il lavoro a distanza
Banche arriva il freno ai bonus ma con otto anni di ritardo
Le tangenti fanno vincere le gare, cresce il fatturato ma...
Sofferenze e aiuti di Stato il circuito perverso del credito
Patuelli (Abi): «Grandi e assai onerosi gli sforzi per salvare...
Liquidità e tassi bassi, la finanza riscopre l'arte
Banche, tutti i rischi delle nuove regole
Caccia a capitali freschi le piccole imprese alla sfida della...
Parcelle dei professionisti, scacco dalle grandi imprese
Baresi: «Aiutiamo le imprese sui fondi europei»
Debiti e credit crunch fanno ricco il factoring
Oste, com'è il tuo vino? Buono. Così si verificano auto e titoli
Società, responsabilità ampia
Il patrimonio non conta, vale di più "l'interfaccia"
Quote Banca d'Italia, il mercato è pronto. Via alla...
La Bce stringe ancora sui patrimoni. Rischio frenata per le...
Passaggio generazionale: l'azienda ci guadagna se il...
Bcg cosa c'è di buono nelle teorie di Henderson
Più della metà degli italiani guarda ancora al "posto fisso"
Le start-up più ricche del mondo già miliardarie sbarcano...
Falso in bilancio i limiti della riforma
Buffett in cerca del suo successore
Baresi (Inrl) al convegno del Mef: «Urgente un rating...
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2016  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)