Cerca nei documenti
Strumenti|Demo|Nuovi utenti|Costi|Business plan|Partners|Faq|Mappa
E-learning|Approfondimenti|Rassegna stampa|Scoring|Servizi onsite
 
Home page Rassegna stampa Documento
Glossario Scale di rating Vai alla pagina di Facebook dedicata ad analisiaziendale.it Vai alla pagina di LinkedIn dedicata ad analisiaziendale.it Formulario Contatti
Accesso Utenti registrati
UserID
Password
Password persa?
Non hai UserID e Password?
Alcuni servizi sono gratuiti!
Strumenti online riservati agli Utenti registrati:
Analisi di bilancio
Business plan online
Piano di ammortamento del mutuo
Calcolo costo medio ponderato del capitale
Test Basilea 2
Test sulla propensione all'internazionalizzazione
 
 
 New
  Analisi società di calcio
 
 
  Area web personalizzata
  Fondo centrale di garanzia
  Feed back e compatibilità
  Speciale Basilea 2
  Cerca con Sgela
  Scriveteci una e-mail
 
 
  free
  Piano di ammortamento
  Test Basilea 2
  Test internazionalizzazione
 
 
Sono complessivamente disponibili in questo sito in modo gratuito
n. 3.894
documenti per gli Utenti registrati e per i Visitatori
 
 
Elenco principi contabili
Elenco Ias/Ifrs
Elenco Sic/Ifric
Elenco principi revisione
 
 
Le nostre demo
Demo: Accesso all'area riservata e personale
   
Demo: Gestione aziende
   
Demo: Gestione bilanci
   
Demo: Strumento Analisi di bilancio
   
Demo: Strumento Piano di ammortamentoto del mutuo
   
Demo: Strumento Calcolo del costo medio ponderato del capitale (WACC: Weighted Average Cost of Capital)
   
Demo: Test Basilea 2
   
Demo: Test propensione all'internazionalizzazione
   
Demo: Autovalutazione Basilea 2 - Edizioni FAG
   
 
Alcune Faq
E' possibile registrarsi per un periodo di prova?
   
E'possibile vedere il funzionamento di uno strumento senza essere registrati?
   
Quanto costa la registrazione?
   
Mi sono registrato e sto utilizzando gli strumenti online a titolo gratuito. Come fare per abbonarmi ed utilizzare gli strumenti a titolo oneroso?
   
Gli strumenti offerti sul sito possono essere d'aiuto a seguito dell'applicazione di
Basilea 3?
   
Ma i software di autovalutazione che calcolano i rating sono utili e possono fornire un risultato spendibile all'esterno?
   
Lo strumento Analisi di bilancio può essere utilizzato per l'analisi del bilancio d'esercizio di un confidi?
   
  All'interno del Pannello di controllo sono disponibili, per gli Abbonati, informazioni relative allo stato patrimoniale riclassificato, al conto economico riclassificato, all'analisi per indici di bilancio, alla posizione finanziaria netta, al rendiconto finanziario, al check-up veloce, al costo medio ponderato del capitale (WACC - Weighted Average Cost of Capital) e a tutti gli altri strumenti.
Clicca qui per ulteriori informazioni.
  :: Rassegna stampa - Documento

7 cose da fare per rilanciare la tua carriera
di Veronica Mazza
Donna di Repubblica
Lunedì 30 ottobre 2017

Il momento migliore per un refresh professionale? Sicuramente dopo le vacanze: per molti coincide con un nuovo inizio e il relax dell'estate solitamente concede la carica e la creatività per rituffarsi nel lavoro. «Ottobre e novembre, così come gennaio, sono i mesi dell'anno in cui si tende a elaborare nuove idee e progetti. C'è maggiore distensione mentale e ritorna la voglia di mettersi in gioco. Lo stacco feriale aiuta a trovare nuove idee su come rinnovare il proprio lavoro, oppure a decidere di attivarsi per cercare altre opportunità», spiega Mariangela Tripaldi, psicologa e coach del lavoro.
«Ci sono più possibilità di trovare interessanti posizioni aperte, perché il mercato si riattiva dopo il calo del periodo estivo e le aziende approvano il piano di assunzioni non stagionali, quelle di medio lungo periodo».
Sette mosse consigliate dal coach per ridare smalto ai tuoi sogni professionali e trasformarli in obiettivi concreti:
1. Parti da un checkup della tua situazione
Da sola o con il supporto di un professionista, fai un punto sul momento presente, ripercorrendo le tappe della tua carriera: questo ti farà capire da dove sei partita e dove sei arrivata fino ad ora, in termini di ruolo, di competenze e di soddisfazione rispetto alle tue aspirazioni. È importante andare a ritroso, per vedere se c'è stata o meno una linearità nel tuo percorso, i progressi che hai fatto, quali sono le esperienze che ti hanno dato di più, quelle che magari hai abbandonato ma che ora possono trasformarsi in nuovi input per testarti in ambiti diversi da quello attuale. Fai una valutazione a 360°, perché non contano solo i benefit di tipo materiale, come lo status o lo stipendio, ma anche il benessere del tuo luogo di lavoro. Considera se con i colleghi hai un rapporto di qualità, qual è il livello di collaborazione, il clima che si respira in ufficio... Sono aspetti che spesso vengono trascurati e sottostimati, ma in realtà sono fondamentali perché essere felice delle proprie mansioni e vivere in un ambiente armonioso aumenta la voglia di fare e la creatività.
2. Crea la tua vision
Preso atto del punto di partenza, stabilisci come vorresti che fosse il tuo futuro, dove ti vuoi proiettare, lo scenario che sogni di realizzare. Se la prospettiva temporale ti crea delle difficoltà e fai fatica a immaginarti tra 3 o 5 anni, perché i cambiamenti nel mondo lavorativo sono diventati molto rapidi, focalizza la prima meta che vuoi raggiungere, senza darti una scadenza. Dettagliala il più possibile, così avrai una visione più completa: dall'attività in cui ti puoi esprimere meglio alle competenze professionali che vuoi perfezionare o acquisire ex novo, fino a capire se continuare a puntare sulla società per cui lavori oppure sperimentarti altrove. Anche se hai ben chiaro dove vuoi arrivare, sii flessibile e apriti alle opportunità che la vita ti offre. Non sempre la strada che hai in mente per raggiungere i tuoi obiettivi è l'unica valida, ci sono tanti percorsi inaspettati che ti possono portare più velocemente al lavoro che desideri.
3. Fai un piano d'azione e non avere paura di rischiare
Datti delle linee guida, per capire quali possono essere le azioni migliori per promuoverti e concretizzare i tuoi obiettivi. Hai deciso che vuoi crescere nell'azienda in cui lavori? Riprendi i contatti con le risorse umane per sondare se ci sono posizioni libere affini a te o nuove opportunità per avanzare di livello. Esci dalla tua zona di comfort e proponi al capo quel progetto a cui tieni tanto, ma che fino ad ora non hai mai avuto il coraggio di tirar fuori dal cassetto. Vuoi cercare altrove? Dai una spolverata al tuo curriculum e rinnovalo, inserendo anche una sezione dedicata ai tuoi interessi, dove elencare ad esempio attività extra lavorative, come il volontariato, ma anche seminari e workshop che ti hanno appassionato. Modulalo e personalizzalo in base alle richieste dell'azienda a cui lo invii, per mettere in risalto le caratteristiche di cui hanno bisogno. Vuoi raccontarti meglio ed evidenziare anche le tue soft skills, cioè le competenze trasversali che riguardano la tua personalità, le tue abilità sociali e le tue capacità relazionali? Inseriscile nella tua lettera di presentazione. Non scrivere un papiro per raccontare queste tue risorse: basta un testo breve, massimo mezza pagina, per fare colpo.
4. Aggiornati con i corsi di formazione
Di imparare non si finisce mai e se vuoi avere più chance per realizzare i tuoi goals, torna a studiare. Alcune aziende offrono corsi di formazione, interni o esterni, per i propri dipendenti. Informati, perché sono ottime opportunità di crescita e puoi farteli finanziarie, in toto o in parte, o chiedere di poterli seguirli durante le ore di lavoro. Sei una freelance? Se non hai possibilità di investire tempo e soldi, vai su youtube dove trovi tanti tutorial dedicati all'area che ti interessa. Esistono anche piattaforme online dove puoi trovare corsi interi o singole lezioni erogati da università internazionali o da esperti su centinaia di differenti aree tematiche, dal business all'IT, dalle digital skills ai big data.
5. Fai network, non solo virtuale
I social sono utilissimi per dare una nuova spinta alla tua carriera, quindi usali al meglio. Linkedin è imprescindibile e ti permette di entrare in contatto, in modo veloce e diretto, con le persone che reputi interessanti e utili per la tua professione. Ma non serve averli tra gli amici se non interagisci. Renditi visibile e arricchisci periodicamente il tuo cv di nuove skills; condividi post su tematiche professionali che possano creare un dibattito e commenta quegli degli altri. Mostra che sei attiva e interessata a creare legami fruttuosi, che non si limitano a una sola mail. Se costruisci una buona cerchia di contatti, quando ne avrai bisogno, è molto probabile che si attiveranno spontaneamente per aiutarti. Facebook non va sottovalutato, perché è vero che riguarda una sfera più personale, ma anche lì puoi trovare nuove collaborazioni. Sappi che ormai i recruiters quando valutano un candidato vanno a sbirciare su tutti i suoi profili social.
Punta ad avere una buona reputazione online. Come? Pubblicando contenuti coerenti su tutti i profili, che dimostrino quali sono i tuoi valori e interessi. Cura con grande attenzione anche i tuoi rapporti fuori dalla rete, coltivando l'amicizia con ex colleghi o con chi hai collaborato in passato. Basta una telefonata o un caffè per aggiornarsi ogni tanto e magari ricevere la dritta giusta o il contatto migliore per riattivare la tua vita professionale.
6. Non pensare solo al lavoro
Se entri nel tunnel dell'ossessione riguardo alla carriera, controllando in continuazione se hanno risposto alla tua mail o richiami a loop per vedere se l'opportunità è ancora valida, non ottieni nulla se non stress. Vuoi soluzioni creative per sbloccare una situazione che appare stagnante? Distraiti e rilassati, magari facendo una passeggiata al parco, visitando una mostra, prendendo un aperitivo dove c'è movida o dedicandoti allo shopping. Insomma, fai qualcosa che ti faccia star bene e che ti rimetta in contatto con te stessa. Quando ti lasci andare e non resti attaccata al problema lavorativo che ti assilla, migliori le tue capacità cognitive, sviluppi idee inaspettate ed estrose e allarghi la tua cerchia di contatti.
7. Credi nelle tue possibilità
Diventa la tua prima fan: se non fai il tifo per te stessa, gli altri come possono darti credito? Tutti i giorni ribadisci la fiducia in te stessa, dicendo che ce la puoi fare, anche se l'ambiente non sembra favorevole. L'errore che si fa di solito è valutare la situazione in base alle opportunità esterne, invece di concentrarsi sulle proprie potenzialità. Datti una chance e smettila di giudicarti, puntando sulle tue qualità invece che sottolineando le mancanze. E se vuoi motivarti, ritorna al check iniziale e ricordati tutte le difficoltà che hai superato e tutti gli errori da cui hai tratto un insegnamento. Scegli e determina con tutto il tuo cuore la tua vision, sapendo che hai più risorse di quante credi di averne e se fino ad ora non sei arrivata dove volevi, non è detto che non riuscirai a farlo. Non temere di fallire, nessun ostacolo è insormontabile se lo vedi come un'opportunità per migliorarti e aggiustare il tiro.

Vai ad inizio pagina

Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Non hai UserID e Password?
Registrati adesso

Alcuni servizi sono gratuiti come ad esempio lo strumento Analisi società di calcio per l'analisi di bilancio gratuita delle società di calcio.

In primo piano... 
[  per le aziende e i privati  ]
Qual è il WACC della tua azienda?
Sempre attuali... 
[  a p p r o f o n d i m e n t i  ]
Basilea 2
Il costo medio ponderato del capitale (WACC = ...
Tassi equivalenti in regime di capitalizzazione composta
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
La quotazione all'AIM Italia (Alternative Investment Market)
Strumento "Analisi società di calcio", primo aggiornamento
Focus on... 
[  i n   a r c h i v i o  ]
Troppo socialista per la City, ascesa e caduta di una ceo...
Riforma legge fallimentare: quali soglie per il regime di...
Mifid II, le opportunità per il private banking
Sulle finanze ti aiuta il revisore
Ecco le aziende che pagano meglio. Così la competenza...
Grant Thornton: «La scuola si prepari, il lavoro di oggi...
Dal Vice Presidente del Parlamento UE diretto sostegno ai...
Autodiagnosi aziendale: le tecniche di scoring vengono...
Il differimento dei termini per l'approvazione del bilancio...
La valutazione civilistica delle commesse pluriennali
Definita dal CNDCEC la metodologia comune per i...
Legge 155/2017 applicazioni pratiche
Lo Z-Score di Altman: 5 cose da conoscere per usarlo meglio
Privacy, rischi da valutare subito
Lezione giapponese: così gli Yes Men affossano le aziende
Procedure d'allerta con incognita i «parametri finanziari»
Approccio basato sul rischio anche per i sindaci-revisori
10 motivi per assumere un manager cinquantenne
Il 2018 porta in dote retribuzioni in salita per dirigenti e...
Borsa e crowdfunding: così il credito è alternativo
L'Italia hi-tech: aziende troppo piccole crescono ma...
Negli Usa cresce il disagio dei 50enni, la "Generazione...
La lenta marcia dei minibond ma con i Pir potrebbero...
«Tassare gli uomini di acciaio», Bill Gates fa discutere
I giovani bocciano la formazione scolastica
Tra brevetti e diritti d'autore Italia bocciata sulla tutela...
Riforma del non profit sotto esame: aspettando i decreti...
Legge fallimentare, arrivano gli allerta pre-crisi. Ecco le...
Il saliscendi del Bitcoin spaventa i mercati, ma alle banche...
Le banche centrali spiazzate di fronte all'enigma Bitcoin
Consob: «Chi si quota ha ricavi più alti del 50%»
La ripresa c'è ma non si vede: «Vanno sostenuti i sogni...
La riforma congelata delle banche popolari. Amber attacca...
Revisore d'obbligo per 175mila Srl
Giovani e occupazione i veri numeri dell'Italia: gli over 30...
Quanto contante si può prelevare in banca dopo il 2016?
È pignorabile una polizza?
Le 5 grandi bugie delle banche: come riconoscerle ed...
Report di sostenibilità alla prova dei numeri
Atlante riapre la raccolta per salvare le tre Casse
Esdebitazione esclusa se l'indebitamento è colposo
Inizio pagina PEC: analisiaziendale@legalmail.it Disclaimer - Condizioni generali di contratto - Cookies - Credits
analisiaziendale.it srl 2001-2018  Analisi e valutazioni online&onsite   Via Dell'Indipendenza n. 54 - CAP 40121 - Bologna
REA CCIAA di Bologna: 461331  Partita IVA: 02712471206   Capitale sociale di euro 10.000 (interamente versati)