Ho capito
Questo sito NON utilizza alcun cookie di profilazione. È possibile che altri siti, linkati dal nostro, utilizzino i cookie. Se continui nella navigazione, o se chiudi questo banner, accetti il loro utilizzo. Maggiori info
Approfondimenti

Amministratori delegati della srl con obbligo di informativa periodica

di Michele Bana

Aprile 2019

Pubblicato sul sito www.linkedin.com in data 23 aprile 2019.

* * *

L'art. 2381, co. 5, c.c. – applicabile alla srl ai sensi dell'art. 2475, co. 6, c.c., dal 16 marzo 2019 (art. 389, co. 2, del D.Lgs. 14/2019) – dispone che gli organi eventualmente delegati sono tenuti a verificare che l'assetto organizzativo, amministrativo e contabile sia adeguato alla natura e alle dimensioni dell'impresa, e a riferire – al consiglio di amministrazione e al collegio sindacale, con la periodicità fissata dallo statuto e, in ogni caso, almeno ogni sei mesi – sul generale andamento della gestione e sulla sua prevedibile evoluzione, nonché sulle operazioni di maggior rilievo, per le loro dimensioni o caratteristiche, effettuate dalla società e dalle proprie controllate.

Sul punto, si osservi, peraltro, che tale tempistica appare di difficile coordinamento con alcune disposizioni del "Codice della crisi d'impresa e dell'insolvenza", che entreranno in vigore dal 15 agosto 2020: infatti, da un lato, è coerente con la previsione dell'art. 13, co. 1, del D.Lgs. 14/2019, secondo cui gli indici della crisi devono fornire evidenza della sostenibilità dei debiti per almeno i sei mesi successivi e delle prospettive di continuità aziendale per l'esercizio in corso oppure, qualora la durate residua del periodo amministrativo al momento della valutazione sia inferiore ai sei mesi, per i sei mesi seguenti. Dall'altro, la periodicità semestrale rischia di risultare eccessivamente ampia rispetto ai termini che caratterizzano gli obblighi di segnalazione di cui agli artt. 14 e 15 del D.Lgs. 14/2019, posti a carico di sindaci, revisori e creditori pubblici qualificati (Agenzia delle Entrate, INPS e Agente della Riscossione), sostanzialmente riconducibili al trimestre. La medesima frequenza temporale è riscontrabile con riguardo all'accesso alle misure premiali (art. 24 del D.Lgs. 14/2019), che è precluso al debitore che presenta istanza di composizione assistita della crisi (art. 19 del D.Lgs. 14/2019) oltre tre mesi dal superamento, nell'ultimo bilancio approvato, o comunque per oltre tre mesi, degli indici della crisi di cui all'art. 13 del D.Lgs. 14/2019.


Nota: il contenuto del documento deve essere interpretato in relazione al periodo in cui è stato redatto.


Potrebbero interessarti anche: